Piazza di Ponte Sant'Angelo, 28 | 00186 Roma, Italia | Tel: 0039 06 68 400 20 | coordinator@talithakum.info

FACEBOOK | YOUTUBE | TWITTER

NEWS

BACK

9 November 2018

Progetto Wells of Hope, Fonti di Speranza - YANABIEH EL AMAL

Finalità della rete Wells Of Hope, Fonti di Speranza  -  YANABIEH  EL  AMAL

Condivisione della sensiblità delle donne verso i Diritti Umani

Donne Cristiane e Musulmane contro la Tratta

Un progetto diTalitha Kum / UISG

La rete Talitha Kum affronta la tratta di persone costruendo e / o rafforzando reti, promuovendo la leadership collaborativa delle donne a livello locale, regionale, continentale e internazionale, e promuovendo la collaborazione per le attività anti-tratta in tutto il mondo.

Area Geografica di riferimento:  Bacino Mediterraneo

Il bacino del Mediterraneo è una delle aree prioritarie di Talitha Kum. In questa regione il fenomeno della tratta è in aumento. Questo progetto mira a intensificare gli sforzi nella regione per prevenire, proteggere e fornire assistenza alle vittime della tratta.

Gli obiettivi del progetto sono:

  • Riunire le donne, condividere gli approcci che hanno sviluppato per prevenire la tratta di persone (TIP) e aiutare i sopravvissuti.
  • Identificare i partner, le risorse, i luoghi in cui stabilire il progetto e una serie di incontri per definire e pianificare un'agenda comune contro la tratta di persone.
  • Promuovere la fiducia e uno spazio per il dialogo, la riflessione e l'azione tra donne cristiane e musulmane incentrate sulla dignità umana, al fine di prevenire qualsiasi tipo di sfruttamento della vita.

Il Coordinatore del Progetto, Sr. Marie Claude, vorrebbe condividere una sua riflessione sul progetto “Wells of Hope”:

Che gioia essere collegati alla piattaforma Talitha Kum International

Le parole Talitha Kum hanno una connotazione, un significato molto caro al mio cuore: <SABIEH KOUMI> porta un'energia di vita, una chiamata per alzarsi e per iniziare un percorso di libertà.

Il progetto WELLS OF HOPE,  Fonti di Speranza, < YANABIEH  EL  AMAL >  الأمل  ينابيع  è il nuovo progetto della Rete Internazionale contro la tratta di esseri umani e sostenuto dall'Unione Internazionale delle Superiore Generali di Roma (UISG), segno della Compassione di Dio per tanti fratelli e sorelle a rischio.

INSIEME, Donne Cristiane e Musulmane in questa parte del mondo, siamo la voce di coloro che non hanno voce, e vogliamo essere un segno, un grido, una chiamata da tutti coloro che sono rimasti indietro, per tante donne e bambini che sono vittime di sfruttamento, abuso e tratta di persone.

Questo progetto sarà implementato in Libano per tutti i paesi del bacino del Mediterraneo (Medio Oriente).

Il progetto è stato voluto e sostenuto dall'Assemblea delle Superiori Maggiori in Libano.

Qual è la ragione di un progetto in Medio Oriente?

Un crocevia di civiltà, il Medio Oriente, crogiolo di popoli, culture e religioni, che per molte guerre e violenze era stato insanguinato, eppure era il teatro della cosiddetta Primavera araba!

Si può immaginare tanta miseria, violenza, sofferenza, sradicamento, esilio, esodo, tutti nella stessa regione del mondo?

Sì, questo Medio Oriente è diventato il crocevia di questo "traffico disumano", spaventoso scenario di reclutamento, rapimento, trasporto e trasferimento delle persone più vulnerabili, in particolare donne e bambini, intercettati da trafficanti spietati che hanno avuto l'audacia di esporli a un "basso prezzo di mercato". A questo dobbiamo anche menzionare il mercato dei lavoratori domestici che hanno invaso il Medio Oriente alla ricerca di una vita migliore, sono stati consegnati a società che assomigliano sempre più a <giungle> senza leggi definite e regole volte a proteggere e salvaguardare la dignità della gente.

Come si fa a immaginare tale e tanta miseria...

Sì, è per questo motivo che noi, donne cristiane e musulmane in questa regione del mondo, ci impegniamo a portare un raggio di speranza in questa cupa immagine di miseria.

Insieme vogliamo raggiungere i nostri fratelli e sorelle più vulnerabili nel rispetto della loro dignità; scavare, generare e riportare la vita alla vita dal fondo di questo lungo percorso di sofferenza, sfruttamento, umiliazione e un coraggioso ritorno in un mondo migliore .

Suor Marie Claude vorrebbe concludere con il seguente pensiero:

“Vogliamo affidare il nostro progetto al nostro Dio, Padre misericordioso, pieno di tenerezza e compassione per questi amici, i bambini più vulnerabili e per voi, fratelli e sorelle della grande famiglia di Talitha Kum International.“

THE NETWORK
IN THE WORLD

Talitha Kum is represented in 77 countries, on the 5 continents: 13 in Africa, 13 in Asia, 17 in America, 31 in Europe, 2 in Oceania. The Networks of Talitha Kum: 43 National Networks: 8 in Africa, 10 in Asia, 16 in America, 7 in Europe and 2 in Oceania. 7 regional coordinations: 2 in Latin America, 3 in Asia, 1 in Europe and 1 in Africa

SUBSCRIBE TO
OUR NEWSLETTER

PRIVACY

Language in which you want to receive in the newsletter

“When spider webs unite,
they can tie up a lion”

(Ethiopian proverb)