This site uses analytics cookies to collect aggregate data and third-party cookies to improve the user experience.
Read the Complete Privacy Information.

I ACCEPT

Logo UISG Piazza di Ponte Sant'Angelo, 28 | 00186 Roma, Italia | Tel: 0039 06 68 400 20 | Mob: +39 3441734506 | coordinator@talithakum.info

| | | |

NEWS

BACK

12 December 2022

La Storia di Samira

Mi chiamo Samira e questa è la mia storia. 

Sono rimasta incinta della mia prima figlia in tenera età. Come molte altre giovani madri, sono rimasta sola con la mia bambina. 

Desideravo garantire un futuro a mia figlia e così ho deciso di intraprendere un viaggio verso la Tunisia. Ero consapevole che questo sarebbe potuto essere un viaggio pericoloso per le nostre vite; tuttavia, sapevo che avrei dovuto farlo per lei e per me stessa. Come molte altre donne sulla barca, anche io ho portato la mia bambina tra le braccia. Sapevamo che affrontare il viaggio con i bambini avrebbe garantito protezione e benedizioni. le loro anime senza peccato sarebbero state protette da Dio e, al tempo stesso, avere figli a bordo aiuta le madri a evitare il rimpatrio o la detenzione. Quando siamo arrivati in Tunisia, tutti noi, madri e bambini, siamo stati immediatamente supportati; abbiamo ricevuto aiuti e controlli sanitari dalle associazioni e dai preposti al controllo 'immigrazione. Non è stato un viaggio semplice ma questa volta non eravamo più soli. Arrivati in Tunisia, ho incontrato sorelle e fratelli di Talitha Kum che hanno aiutato me e mia figlia a iniziare la nostra nuova vita. Mi hanno fornito una formazione per lavorare nel settore agricolo e così ho potuto avviare una piccola impresa di allevamento di capre e pecore. Oggi sono felicemente sposata e ho due figli. Non potrei essere più grata alle sorelle e ai fratelli Talitha Kum per avermi aiutato ad iniziare una nuova vita con dignità. 

 

Come Samira, molte persone sono costrette a fuggire dal proprio Paese in cerca di sicurezza o di lavoro. Una migrazione non sicura aumenta il rischio di diventare vittime della tratta di esseri umani. 
 

"Le vittime della tratta che non hanno il permesso di lavorare o di rimanere nel Paese in cui vengono sfruttate devono affrontare un ulteriore livello di vulnerabilità. La paura di essere esposti come un migranti irregolari può essere un potente strumento per i trafficanti, che in genere minacciano di presentare relazioni alle autorità e possono più facilmente mantenere le vittime in condizioni di sfruttamento. I migranti costituiscono una quota significativa delle vittime rilevate nella maggior parte delle regioni globali: 65 per cento in Europa occidentale e meridionale, 60 per cento in Medio Oriente, 55 per cento in Asia orientale e del Pacifico, 50 per cento in Europa centrale e sud-orientale, e 25 per cento in Nord America. Anche i lavoratori migranti che hanno il diritto di lavorare possono essere vulnerabili allo sfruttamento. Per esempio, perché non sono a conoscenza dei loro diritti lavorativi." (UNODC. Rapporto globale sul traffico di persone. 2020).  

 

THE NETWORK
IN THE WORLD

Talitha Kum Networks are active in the 5 continents coordinating the anti-trafficking efforts of 50 inter-congregational networks organized at the national-local level and 10 networks that include the joint coordination of several countries at the regional level.

* According to the information of the 2021 Talitha Kum Census

SUBSCRIBE TO
OUR NEWSLETTER

PRIVACY

Language in which you want to receive in the newsletter

“When spider webs unite,
they can tie up a lion”

(Ethiopian proverb)