Ce site utilise des cookies d'analyse pour collecter des données agrégées et des cookies tiers pour améliorer l'expérience utilisateur.
Lire la Politique de confidentialité complète .
J'ACCEPTE

Logo UISG Piazza di Ponte Sant'Angelo, 28 | 00186 Roma, Italia | Tel: 0039 06 68 400 20 | Mob: +39 3441734506 | coordinator@talithakum.info

| | | |

NOUVELLES

EN ARRIÈRE

31 Octobre 2018

Cleveland, OH - Otto reti Talitha Kum si riuniscono per l'incontro emisferico "I confini non sono barriere" - 24-27 ottobre 2018

Otto reti guidate sorelle, in rappresentazione delle sorelle dal Canada all'estremità meridionale dell'Argentina, si sono riunite a Cleveland, nell'Ohio, dal 24 al 27 ottobre, per proclamare che "i confini non sono barriere" nel lavorare insieme per combattere la tratta di esseri umani.

Tutte le reti sono membri di Talitha Kum, la rete internazionale di vita consacrata in tutto il mondo. Suor Gabriella Bottani, Coordinatrice internazionale di Talitha Kum a Roma, era presente all'incontro "Borders are not Barriers" e ha incoraggiato la cooperazione tra le reti membri di TK. Stesse modalità di cooperazione regionale e continentale si stanno attuando anche in altre aree del mondo.

Sorelle delle reti in Canada, Stati Uniti, Messico, America centrale e Caraibi, paesi del Nord e Andini e Brasile in Sud America sono venute a rappresentare il lavoro di oltre 1.000 suore impegnate attivamente in attività anti-tratta. Si sono riuniti per costruire una solida base per il lavoro futuro da svolgere insieme nel seguente modo:

  • rafforzando la solidarietà reciproca attraverso il potenziamento della connessione e comunicazione reciproca;
  • accrescendo la consapevolezza del lavoro sistemico anti-tratta delle reti incentrato sulla vittima e gestito da Sorelle in tutto l'emisfero; e
  • sostenendoci e responsabilizzandoci a vicenda per influenzare i sistemi più ampi in cui lavoriamo al fine di sradicare il crimine della tratta di esseri umani e per accompagnare i sopravvissuti nel processo di riacquisizione di consapevolezza della loro dignità di figlie e figli di un Dio amorevole.

Durante l'incontro, ogni rete ha condiviso la realtà della tratta di esseri umani nei loro paesi. Diverse cause sistemiche comuni di questo crimine mondiale sono state evidenziate. Questi includono la connessione tra la tratta di esseri umani e la migrazione; il flusso di migranti privi di documenti in tutto l'emisfero (evidente ai confini di tutti i paesi dell'emisfero, compreso il confine tra Venezuela e Brasile, e i paesi dell'America centrale, del Messico e degli Stati Uniti); povertà e il sistema di patriarcato / machismo in tutto l'emisfero.

La tratta di esseri umani avviene non solo tra paesi ma al loro interno, producendo ovunque vittime interne di tratta. Tra le persone più vulnerabili alla tratta figurano donne e ragazze, che rappresentano circa il 70% di tutte le vittime della tratta; uomini e ragazzi, indigeni e persone LGBTQ.

I partecipanti a "Borders are not Barriers" hanno notato che, nel trattare con le persone vittime di tratta, un approccio di conoscenza approfondita del trauma centrato sulla vittima è il più efficace. In tutte le fasi del lavoro anti-tratta, le strategie informate approfonditamente sui sopravvissuti sono importanti.

Questo incontro è stato il primo passo verso una collaborazione sempre più transnazionale. I partecipanti inizieranno a condividere immediatamente le informazioni e le migliori pratiche. Molte altre azioni comuni sono state prese in considerazione per l'attuazione nel prossimo futuro.

LE RÉSEAU
DANS LE MONDE

Talitha Kum est présent dans 92 pays sur les 5 continents: 14 en Afrique, 18 en Asie, 17 en Amérique, 41 en Europe et 2 en Océanie. Les réseaux de Talitha Kum: 44 réseaux nationaux: 9 en Afrique, 11 en Asie, 15 en Amérique, 7 en Europe et 2 en Océanie. 7 coordination régionale: 2 en Amérique latine, 3 en Asie, 1 en Europe et 1 en Afrique

S'ABONNER À
NOTRE NEWSLETTER

PRIVACY

Langue dans laquelle vous souhaitez recevoir dans la newsletter

“Quand les araignées rejoignent leurs filets,
elles peuvent abattre un lion”

(proverbe Éthiopien)